Come valorizzare la propria terra? Parla il Dott. De Tomi

Home / Blog/ Come valorizzare la propria terra? Parla il Dott. De Tomi

admin-ajax-4.jpg

A noi di soluzionieventi.it piace una sacco parlare e così, un giorno, quasi per caso, mentre stavamo lavorando ad un progetto che aveva come obiettivo " valorizzare la propria terra " , ci siamo imbattuti nel Dott. Matteo de Tomi, psicologo.

Prima di tutto però, giusto per farvi capire il personaggio, vi forniamo prima una breve biografia:

Psicologo Psicoterapeuta, specialista in ipnosi ericksoniana (master di II livello in ipnosi e psicoterapia ericksoniana) e in consulenza di coppia e della famiglia (presso il Centro Padovano di Terapia della Famiglia), Socio Ordinario della Società Italiana di Ipnosi.

Svolge attività privata come psicoterapeuta-ipnotista a Verona, Legnago (VR) e Rovigo nello studio Modelli di Cambiamento. Conduce Incontri Esperienziali sull'Autostima e relazione in conferenze sull'ipnosi organizzate Società Italiana di Ipnosi.
Diplomato al liceo classico di Legnago (VR), coltiva la passione del pianoforte e della musica. Cerca sempre di unire il lavoro clinico con le riflessioni date dalla letteratura.

Ora vorremmo condividere con voi il consiglio che ci ha dato, convinti che possa offrirvi degli spunti interessanti. Bene...parola al Dott. Matteo de Tomi...

Stimare noi stessi per valorizzare la propria terra

Come valorizzare la propria terra? Come volerle bene? Ma soprattutto, come far percepire a chi ci circonda questo sentimento?
Sono domandoni di un certo spessore, che possono apparire banali e scontati, soprattutto per il fatto che, ad un primo impatto, il nostro senso patriottico potrebbe portarci a decantare, per partito preso, le bellezze della nostra terra. Ma proviamo a riflettere su questa cosa: alzi la mano chi non ha mai sentito, nel proprio paese o città, una frase del genere:

  • " Si, il nostro paese non è male, ma a tanto non interessa a nessuno "
  • " A stemo in te na busa "
  • " Inutile sprecare energie per questo posto "

Scommettiamo che quasi nessuno, se non nessuno alzerebbe la mano.

È comprensibile, per diversi motivi, in quanto il rapporto tra amministrazioni pubbliche e cittadini è  molto difficile, la burocrazia frena molte iniziative, le risorse sono sempre meno e le spese sempre di più, i giovani se ne vanno, la comunicazione è spesso difficile ecc...
Sono tutte argomentazioni valide, ma è fondamentale rendersi conto che assecondare queste situazioni può portare a sottostimare le bellezze del nostro territorio e a sottostimare le nostre capacità di valorizzarlo.

DOBBIAMO VALORIZZARE NOI STESSI E LA NOSTRA TERRA

È un obiettivo decisamente ambizioso da raggiungere in quanto spesso siamo circondati da barriere psicologiche, formatesi nel corso degli anni, grazie a determinate esperienze, che limitano la nostra flessibilità nell'affrontare certe situazioni, soprattutto se comportano rischi e costi.

Per farvi capire meglio questa situazione vi racconterò una storia:

Un giorno, un bellissimo uccello tropicale, decise di accettare l'invito di un Principe ad entrare nella sua gabbia.
Inizialmente andò tutto bene ma, con il passare del tempo, l'uccello cominciò ad annoiarsi e a non sopportare più quella situazione.
Giorno dopo giorno l'uccello diventò sempre più triste, fino a quando, caduto nella disperazione cominciò ad agitarsi per tutta la gabbia.
Così facendo andò inavvertitamente a sbattere contro la porticina accorgendosi che, in realtà era sempre stata aperta.

Vedete, l'uccello tropicale, credendo che dalla gabbia non si potesse uscire, non tentò nemmeno una volta di provare a vedere se la porta era aperta. Questi spesso siamo noi, che ci facciamo condizionare dalle esperienze passate nostre, o raccontateci da altri, le quali ci ingabbiano in uno stato di rigidità.

Come uscire dalla gabbia

Il passo fondamentale per uscire dalla gabbia e cominciare ad avere più stima di se stessi e della propria terra è rendersi conto che facciamo parte di una comunità e, da ciò, si evince che il gruppo è un pilastro fondamentale di ogni attività.
Possiamo provare a farcela da soli ma spesso è necessario che qualcuno ci dica che quella porta è aperta perché non è detto che riusciremmo a scoprirlo da soli.

Fare rete è difficile, soprattutto in realtà di piccole dimensioni, dove spesso vecchie ruggini e caratteri spigolosi, tendono ad imporsi ma è vitale impegnare le proprie energie per costituire una rete di persone e competenze solida e duratura.

Volete approfondire?

 

Il tema del " valorizzare la propria terra ", di cui abbiamo discusso è vastissimo e non è possibile affrontarlo completamente in un articolo, perciò se vi è piaciuto e desiderate approfondirlo, vi segnaliamo il prossimo appuntamento del Dott. Matteo De Tomi:

Incontro sull'Autostima e il Benessere Relazionale

Rovigo, Corso del popolo 229, 17 ottobre ore 20:45

APERTO A TUTTI E GRATUITO

Iscrizione obbligatoria tramite cell 3401299026 o matteo@modellidicambiamento.com

per altre info: www.modellidicambiamento.com/matteodetomipsicologo

Siamo a tua disposizione